' Ti dico grazie per l'abbraccio di oggi. Grazie perchè ho sentito il tuo cuore abbracciare il mio, le mie lacrime asciugate dai tuoi capelli. Grazie perchè mi hai trasmesso la tua forza. ' A volte sono una stronza con mia mamma, più volte con i professori, sempre con chi mi sta adosso, troppo spesso con i ragazzi; mai con l'amicizia, quella vera. Una che ferisce con le parole, ma guarisce con i gesti. E troppo spesso ho cercato persone che facessero combaciare la retorica con l'applicazione nel concreto. I blabla con i fatti. Mi sono guardata ovunque intorno per trovare un po' di corenza, di fiducia, mentre dovevo solo guardarmi allo specchio.
Mamma, volevo parlarti un po’, trovo il modo e le parole di dirti molte cose,in questo giorno. Mamma so che non è facile. non è facile starmi vicino. non è facile stare dietro alle mie lune, ai miei musi lunghi, alle mie paure e alle mie insicurezze. non è facile stare dietro ai miei silenzi, al tuo chiuderti a riccio,ai tuoi sguardi bui. ma niente che valga la pena di essere vissuto è facile. nessuna felicità e nessun amore che valga la pena di esser chiamato tale vive solo di felicità. non è facile starmi vicino, ma io tu ci resti,vero?… Purtroppo quando ho paura succede che divento cattiva. succede che mi chiudo in me stessa, che mi spengo per un pò, che lascio fuori tutto e tutti, anche un pò te. succede spesso, perchè ci sono tante volte in cui ho paura. per esempio ho paura quando torno in uno di quei momenti, uno in cui credo di non essere abbastanza, e che qualcuno per stare accanto a te non deve essere abbastanza, deve essere molto, perchè tu non meriti ‘abbastanza’, tu meriti davvero molto. e allora succede che mi spavento, che penso che tu te ne accorga che non sono poi questo ‘molto’, che ti giri e che te ne vai. e quindi mi chiudo, metto il muso, ti lascio fuori. mi succede anche con altre cose: le lascio fuori, e dentro ci sto solo io. però non mi trovo molto bene, perchè diciamolo, non sono un’ottima compagnia per me stessa, io. sono critica, non mi faccio mai andare bene niente, ma resto comunque chiusa, e ti lascio fuori. Solo dopo, poche ore capisco che sei una delle mie più grandi ragioni per cui sorrido,perchè ho trovato un altro posto in cui poter stare, anche con la paura, nonostante la paura. e sono proprio quelle, le tue braccia, quell’altro posto. Mamma,quando ti dico ‘lasciami stare per un pò, non ho voglia di parlare’, in realtà ti sto solo dicendo ‘ti prego, abbracciami, e fammi dimenticare perchè sto così’ Mamma,sai,ho capito che è facile amare chi ci fa stare bene. la cosa difficile è amare chi ogni tanto ci fa anche piangere, chi ci ferisce, chi ci fa stare male. ed è facile dire: ‘se fa così non ti ama’, ma non è vero, perchè anche chi ama ferisce, e magari ferisce di più perchè chi ama, lo credo davvero, fa tante cose per paura. Però ho anche capito che io sono sicura che tu meriti il meglio di me, lo meriti sopra ad ogni cosa, lo meriti perchè hai visto il peggio eppure mi volto e ti vedo al mio fianco, lo meriti perchè sei così bella che non potresti che meritarlo. e allora io mi sto sforzando, e anche se a volte mi sembra di non farcela, cerco di mettercela tutta. dimmi, ti basta? perchè potrei fare di più, giuro, potrei… A volte mi dico soltanto che dovrei crederci un po’ di più, a tutto. Dovrei credere un po’ di più alla vita, perchè anche se non è perfetta sicuramente qualcosa di buono ce l’ha lo stesso. Dovrei credere un po’ di più a me stessa, perchè così forse un giorno scoprirò di essere migliore di qualcuno in qualcosa. Dovrei credere semplicemente in qualcosa, qualcosa per cui vale la pena alzarsi ogni mattina e sorridere, e per questo io credo di aver scelto te. …Io voglio essere al tuo fianco, e voglio che tu sia al mio fianco. E poi ti volevo ringraziare,perchè ci sei, anche quando non sono io a chiedertelo,ma soprattutto…Grazie d’esistere. Mamma, non essere triste se il tempo passa: sei sempre la più bella di tutte. Buon compleanno mio unico amore!!!!!!!! <3
Ma se, se mentre ti sto aspettando, incontrassi una persona che è pronta a darmi ciò che avrei voluto da te?

— grey’s anatomy.

ed ora, cugino, voglio parlarti di me. non so se sai ma non son mai stata brava a parlare, che le parole mi si chiudono all’altezza del cuore e non vogliono uscire, che poi un pò mi vergogno e mi impaurisco, e quindi certe cose non le dico.Preferisco i gesti alle parole, le carezze e i baci alle frasi fatte, i lunghi abbracci e i silenzi alle parole buttate alla rinfusa solo per riempire quell’imbarazzo. Ma se solo trovassi le parole per dirti che ormai sei dentro di me come una roccia, giuro, te lo direi. Riccardo, ti crescerò io, cammineremo insieme anche sui vetri rotti, insomma, mi prenderò cura di te,perchè tu sei cosa bella e Pensa che tu sei più forte di tutti e ridi, promettimi che riderai fino a farti mancare l’aria. Solo tu puoi permetterti di toglierti il respiro, non lasciarlo fare agli altri. Ti imparerò e ti indirizzerò verso la vita,l’amare,il sapere,ti insegnerò a non sbagliare, o meglio, a non commettere i miei stessi sbagli. Io invece ti prometto di restare,perchè solo chi ama davvero,resta, e io resto con te. Ora zia voglio ‘prometterti’ che mi impegnerò a farlo star bene, a capire cosa c’è che non va, ascoltarlo le ore, prendermi cura di lui, abbracciarlo, vederlo sorridere, passare le giornate con lui.. è impegnativo,ma per me è l’impegno più bello del mondo. alle 9:11, in 2.930 è nata la più grande meraviglia, un sorriso in più nel mondo.
Ti amo. Ti amo e se dovessi spiegartene i motivi probabilmente perderesti il filo dopo poche parole. Ti amo per il primo sguardo che mi hai rivolto, quella sera di tanti anni fa e che mi ha fatto sentire come se mi guardassi da sempre. Ti amo per le farfalle nello stomaco che ho da quando ti stringo la mano. Ti amo per gli abbracci. E i baci. E i silenzi e le parole. Per le stelle che abbiamo contato nelle notti estive di questi anni, per il prati in cui abbiamo fatto l’amore, per la paura che abbiamo dimenticato. Ti amo perchè mi hai preso la mano e non l’hai più lasciata, perchè non hai avuto paura dei miei muri, perchè hai avuto pazienza quando ti ho fatto aspettare, perchè ti sei fatto trovare ogni volta che ti ho cercato, perchè sei semopre arrivato quando ti ho aspettato. Ti amo perchè hai spazzato via ogni insicurezza, perchè sei riuscito a farmi credere ad ogni tuo ‘sei bella’, perchè mi hai fatto uscire da ogni dubbio. Ti amo per le nostre canzoni. Per i risvegli insieme. Per i tuoi baci sul naso di primo mattino. E per le notti abbracciati e quelle a fare l’amore. Ti amo perchè mi hai fatto scoprire l’amore. Ti amo perchè non riesco a fare altrimenti, da quando ti incontrato, quella sera di tanti anni fa, con gli occhi dentro i miei.
Fa paura l’idea di potersi svegliare una mattina e sapere che non ci sarà il tuo sorriso a illuminarmi la vita. Ho paura, ti confesso che il cuore che mi trema. Ho paura perchè io da te non me ne andrei mai, ma tu? Tu resterai anche quando la vita vorrà dividerci? Ci sarai anche quando sarà passato il tempo delle sere dentro ai pub? Ho paura di una vita senza te. Mi sa di vita spenta.
Non sono sempre una brava persona e soprattutto non sono forte. Non sono forte quando mi chiudo nei miei silenzi e ti lascio fuori, non sono forte quando chiudo gli occhi e abbasso la testa, non sono forte quando non ho il coraggio per farmi abbracciare. Non lo sono nemmeno quando non ti guardo perchè tu non capisca come mi sento, nè tantomeno quando fingo che tutto vada bene e non trovo la forza di piangere. Ci vuole una gran forza per mostrarsi fragili e non averne paura.
La verità è che io sono stanca. Li vedi questi occhi? Ti sembrano i miei? Ti sembrano gli stessi occhi di una volta? Io sono stanca di cercarmi, sono stanca di frugare nella mia testa per cercare di capire a quale maledetto giorno sono rimasta. Mi sono persa, e non so chi mi son presa. Ho altri occhi, altri sorrisi, altri pensieri. Aiutami. Aiutami a farmi credere che tornerò.
È la domenica che ti rendi conto di quanto tu sia davvero solo. La domenica è per le coppie che passeggiano in centro, per i film romantici al cinema, per fare l’amore sussurando dei ‘Ti amo’, per guardare vecchie commedie sul divano baciandosi, per preparare insieme la torta. La domenica è fatta per l’ amore e non c’è posto per chi è da solo.
' Ti dico grazie per l'abbraccio di oggi. Grazie perchè ho sentito il tuo cuore abbracciare il mio, le mie lacrime asciugate dai tuoi capelli. Grazie perchè mi hai trasmesso la tua forza. ' A volte sono una stronza con mia mamma, più volte con i professori, sempre con chi mi sta adosso, troppo spesso con i ragazzi; mai con l'amicizia, quella vera. Una che ferisce con le parole, ma guarisce con i gesti. E troppo spesso ho cercato persone che facessero combaciare la retorica con l'applicazione nel concreto. I blabla con i fatti. Mi sono guardata ovunque intorno per trovare un po' di corenza, di fiducia, mentre dovevo solo guardarmi allo specchio.